venerdì 25 agosto 2017

Vi racconto lo STALKING adottato da Sky dopo il recesso dal contratto di abbonamento!




Nel marzo scorso, dopo diversi anni, visto il livello imbarazzante della programmazione ed il prezzo stratosferico raggiunti, sono riuscito a convincere mio padre a disdettare l’abbonamento a SKY. Si perché nonostante fosse intestato al sottoscritto, lo utilizzava lui per una promozione a cui ho aderito tanti anni fa.
Io il TV lo guardo poco e niente vista la fogna di programmazione che mandano in onda.
Quindi compilo il form dall’area “fai da te” ed invio una PEC a skyitalia@pec.skytv.it, risparmiando pure i 5 euro e rotti di raccomandata. Specifico decorrenza a partire dal 1 Giugno 2017 e i reali motivi della disdetta. Ossia canone elevato e programmazione indecente. Una volta effettuata l’operazione iniziano a tempestarmi di telefonate, ad inviarmi SMS e messaggi sul decoder con super promozioni e altre cagate del genere… Rifiutai, gentilmente, tutte le loro insulse proposte e vengo a conoscenza che la disdetta non partiva dal 1 Giugno, ma dal 1 Maggio 2017 perché una volta effettuata la richiesta, la decorrenza sarà la fine del mese successivo. Quindi avendola fatta a marzo, il contratto si chiudeva al 30 di Aprile.
Le solite follie del sistema italico. Non si può fare una richiesta di recesso con largo anticipo per mettersi al sicuro e non incappare in cavilli o menate varie, facendogli guadagnare pure un mese in più, che questi non leggono manco cosa cazzo scriviamo.
Chiesi a diversi robottini che mi hanno scartavetrato i coglioni per non so quante volte, di posticiparmi cortesemente la data di recesso. La risposta è stata: non posso, o lasci tutto così oppure l’annulli e la fai decorrere alla scadenza annuale. I soliti robot che si limitano a leggere gli script senza sapere manco cosa cazzo dicono.
Ecco che fine abbiamo fatto. Puoi scrivere tutto quello che vuoi, ma i servizi clienti non ti cagheranno mai. La standardizzazione della società.
A seguito delle loro idiozie, ad aprile ho inviato un’altra PEC (tanto son gratis) richiedendo l’annullamento della precedente richiesta e di posticipare il recesso al 1° Giugno 2017. Detto, fatto! Quindi Marzo, Aprile e Maggio mi hanno rotto i COGLIONI non so quante volte. Telefonate, SMS, messaggi sul decoder. Nonostante avessi rifiutato ogni loro proposta e chiesto di essere cancellato dalle loro fottute liste.
Prima della chiusura del contratto, a fine Maggio, mi contattano questa volta per comunicarmi che il servizio Sky resterà operativo gratuitamente fino alla fine di Luglio per questioni tecniche… La mia reazione fu:
NOOOOO, non è possibile. Ma adesso non si può disdire manco un contratto che dovete perseguitare la gente? Abbiamo fatto questa disdetta, vogliamo che venga chiuso sto ca… benedetto contratto a Giugno e basta. Non potete inventarvi queste merdate per continuare a martellarmi i coglioni nella speranza che rimanga. Abbiamo deciso di chiudere. BASTAAAA ZIO CANEEEEE!!
Alla fine hanno lasciato operativo solo i canali non a pagamento, quindi era l’ennesima presa per il culo.
Come previsto, anche per il mese di Giugno e Luglio mi hanno SMARONATO non so quante volte. E nonostante i miei rifiuti, e l’aver consegnato tutto, ad oggi, 25 Agosto 2017, ricevo ancora le loro chiamate più volte al giorno questo perché da qualche settimana ho inserito il loro numero, +390291978196, nella black list così il cellulare nemmeno squilla.
Non è sostenibile una situazione del genere. 
E’ semplicemente inquietante questo commercio odierno. Prima ti portano l’abbonamento alle stelle, son partito da 20 euro, mi sembra, per arrivare a 40/45 euro con una programmazione che definirla imbarazzante è un complimento. Mettono sempre le stesse puttanate su più canali e alla fine non guardi un beato cazzo. Glielo fai presente ma se ne sbattono i coglioni. Poi quando recedi ti PERSEGUITANO per mesi e mesi.
E’ assurdo lavorare in questo modo e che la legge preveda questo STALKING. Pazzesco!! 
fonte https://disquisendo.wordpress.com/2017/08/25/vi-racconto-lo-stalking-adottato-da-sky-dopo-il-recesso-dal-contratto-di-abbonamento/

giovedì 24 agosto 2017

LA LOGGIA P2, CHE PRENDEVA ORDINI DA DAVID ROCKEFELLER, HENRY KISSINGER ED EDMOND ROTHSCHILD, E' COINVOLTA IN MOLTE STRAGI



Fonte : 'Oltre la cupola' di Francesco Forgione e Paolo Mondani (pagine 208)
http://nomassoneriamacerata.blogspot.it/2017/08/la-loggia-p2-che-prendeva-ordini-da.html

CIA e Pentagono gestiscono l’85% dell’eroina mondiale



Eroina – CIA e Pentagono, dal 2001, gestisconoil più grande produttore di oppio del pianeta: l’Afghanistan

Siete a conoscenza dell’epidemia di eroina esplosa negli Stati Uniti a partire dal 2001? Grazie alla capacità dei Governi di manipolare e nascondere le informazioni, probabilmente no.
Tra il 2002 e il 2014, i decessi da overdose di eroina, negli Stati Uniti d’America, sono aumentati da 1.779 a 10.574; nello stesso periodo, gli ettari adibiti alla coltivazione di oppio, in Afghanistan, sono passati da 7.600 agli attuali 224.000.
Nel 2014, delle 7.554 tonnellate di oppio grezzo prodotte in tutto il Mondo, 6.400 tonnellate sono state coltivate nelle zone dell’Afghanistan occupate dagli Stati Uniti d’America, con una fetta di mercato mondiale dell’85% [1], nonostante il Governo USA abbia dirottato 8,5 miliardi di dollari dei contribuenti nella realizzazione di una delle più dispendiose campagne anti droga mai viste [2].
Messico e Colombia, da sempre indicati come principali Paesi esportatori di sostanze stupefacenti negli USA, rappresentano il 2% della produzione mondiale nel campo dell’eroina, con un’offerta che, a stento, riesce a coprire la domanda di 115.000 eroinomani.
Il mainstream non fa altro che parlare di muri con il Sudamerica per “fermare il narcotraffico”, dimenticandosi di citare gli spaventosi numeri riguardanti il consumo di droghe provenienti da Paesi che nulla hanno a che fare con l’America del Sud.EroinaC’erano 189.000 consumatori di eroina negli Stati Uniti nel 2001, prima dell’invasione USA-NATO in Afghanistan. Nel 2016 questo numero è salito a 4.500.000 (2,5 milioni di tossicodipendenti da eroina e 2 milioni di utenti occasionali)
A tutto ciò, si aggiunga l’interesse dato dalle importanti ricchezze minerarie dell’Afghanistan, il litio su tutte, il cui valore, secondo uno studio del Pentagonosi aggirerebbe attorno al trilione di dollari [4] e si avrà, a grandi linee, il motivo per cui gli Stati Uniti d’America non possono abbandonare il Paese.

Per approfondimenti sul tema, si consiglia la lettura di Newsbud Exclusive- NATO-CIA-Pentagon: Junction of the Real Druglords & Warlords, articolo che mostra i parallelismi tra Afghanistan e Corea del Nord, altra Nazione che, grazie altraffico internazionale di droga e ad uno dei più grandi giacimenti di terre rare del Mondo, è tornata prepotentemente “di moda”.

Laura Boldrini? Simbolo della sinistra che non lotta contro, ma per il capitale



Trovo francamente disgustosi e osceni gli insulti rivolti a Laura BoldriniLi condanno in toto.Anche perché, a dire il vero, finiscono per giovare alla signora Boldrini, facendo passare per martirecolei che è invece, a rigore, espressione, vettore ed emblema della metamorfosi kafkiana della sinistra italiana in forza di completamento ideologico, culturale e politico del nesso di forza classista, ossia di quella concretissima contraddizione che siamo soliti chiamare capitalismo. La volgarità degli insulti deve dunque cedere il passo alla marxiana critica dell’ideologia. Diciamoloapertis verbis: la signora Boldrini è la dramatis persona della ridefinizione della sinistra da forza di lotta contro il capitale (Gramsci) a forza di lotta per il capitale (Saviano, D’Alema, Renzi, Sofri, e via discorrendo).
Come ho cercato di chiarire nel mio Pensare altrimenti (Einaudi 2017), il capitalismo è un’aquila a doppia apertura alare. L’anticomunitaria e globalista “destra del denaro” detta le regole econonomico-finanziarie tutelanti gli interessi dell’apolide global class post-borghese. La “sinistra del costume” fissa i modelli e gli stili di vita funzionali alla riproduzione del sistema dell’integralismo economico (godimento individualistico, relativismo, nichilismo, laicismo assoluto, abbandono dell’anticapitalismo e dell’anti-imperialismo, ecc).
La destra del denaro fissa la struttura, la sinistra del costume pone la sovrastruttura. La destra del denaro necessita fisiologicamente del profilo antropologico dell’atomo consumatore che, permanentemente privato di passioni utopiche e antiadattive, non crede in nulla se non nel mercato: e la sinistra del costume procede alla diffusione della cultura del nichilismo e del disincantamento, favorendo il transito dalla concezione dell’emancipazione come rivoluzionesociale e politica a quella della libertà come proprietà dell’individuo isolato portatore di diritti civili e realizzato nelle forme dello scolpimento narcisistico del proprio io isolato e del godimento disinibito.
La destra del denaro aspira a poter diffondere senza limiti e resistenze la forma merce e il codice del valore di scambio. Dal canto suo, la sinistra del costume diffonde il programma nichilistico didemolizione dei valori tradizionali (la nietzscheana “trasvalutazione di tutti i valori”); programma che è lo stesso integralismo economico a perseguire, in vista dell’abbattimento di ogni limite – etico e religioso – in grado di impedire, o anche solo di rallentare, il ritmo sempre più incalzante dell’onnimercificazione iperedonistica.
La destra del danaro vuole distruggere lo Stato, affinché l’economia di mercato non abbia limiti. La sinistra del costume, anziché opporsi, delegittima integralmente lo Stato nazionale come fascista, stalinista e rossobruno.
Se la destra del denaro, con la deregolamentazione del lavoro, rende i giovani precari fino a settant’anni, quando non direttamente disoccupati, e impedisce loro di costruirsi una famiglia, la sinistra del costume giustifica sovrastrutturalmente questi processi delegittimando l’istituto della famiglia come forma borghese superata e glorificando la precarietà come stile di vita, senza vincoli etici di matrice borghese.
Se la destra del denaro stabilisce che gli Stati nazionali sono un’invenzione – il “Ministero della Verità”, come insegna Orwell, falsifica la storia e la riscrive sempre da capo ad usum sui – e che l’unica realtà esistente è il one world del mondo globalizzato e ridotto a piano liscio del mercato sovrano internazionale, con annessa delocalizzazione del lavoro, volatilizzazione dei capitali e rimozione dei diritti in nome della competitività imposta dalle “sfide della globalizzazione”; ebbene, la sinistra del costume giustificherà sovrastrutturalmente tutto questo mediante l’elogio salmodiante della mondializzazione come paradiso dei viaggi low cost e dell’inglese per tutti, mediante la magnificazione degli united colors di una falsa multiculturalità in cui tutte le culture sono sussunte sotto il modello unico del mercato, ma poi anche mediante l’elaborazione concettuale del nuovo profilo antropologico dell’uomo migrante, deterritorializzato e senza radici. Diffamerà come xenofobo chiunque si opporrà alle deportazioni di massa – ipocritamente chiamate “immigrazione” – di schiavi da sfruttare a basso costo.
Se, ancora, la destra del denaro decreta che la religione è un ostacolo rispetto al dilagare nichilistico della forma merce e che bisogna liberarsene per convertirsi al monoteismo del mercatocome unica teologia riconosciuta legittima, allora la sinistra del costume giustificherà ciò mediante la difesa compulsiva di forme liturgiche di ateismo religioso nemiche di ogni divinità che non sia l’economia.
Se la destra del denaro decide che a esistere è solo l’individuo consumatore e che “la società non esiste”, allora la sinistra del costume delegittimerà ogni forma di comunità, santificando l’atomo individuale portatore di diritti civili e favorendo in ogni modo la cultura del narcisismo.
Ancora, se la destra del denaro aspira a ridurre l’umanità a un pulviscolo di monadi senza identitàe senza spessore culturale, infinitamente manipolabili dalla pubblicità e dal circuito della società dei consumi, la sinistra del costume delegittimerà l’idea stessa di natura umana come ab intrinseco autoritaria e silenzierà come omofobo e sessista chiunque ritenga che secondo natura vi sianouomini e donne, padri e madri.
Da una diversa angolatura, la sinistra del costume gestisce oggi il dissenso verso tutto ciò che possa frenare e limitare la destra del denaro, la mercificazione integrale e l’economicizzazione totale dell’esistente. Il dissenso su cui la sinistra del costume si fonda e a cui educa si pone come fondamento per il consenso della civiltà del classismo e dell’alienazione planetariEcco spiegata la figura di Laura Boldrini, vestale della sinistra del costume.
fonte https://www.notiziem5s.it/laura-boldrini-simbolo-della-sinistra-che-non-lotta-contro-ma-per-il-capitale/

mercoledì 23 agosto 2017

TUTTA ITALIA CONTRO PAPA FRANCESCO GUARDATE COSA HA DETTO.



Papa Francesco è entrato a gamba tesa nel dibattito italiano sullo ius soli con una posizione, neanche a dirlo, totalmente a favore della cittadinanza agli stranieri nati in Italia. Nel suo messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, prevista per il prossimo 14 gennaio, Bergoglio ha messo nero su bianco che al momento della nascita "va riconosciuta e certificata" la nazionalità.
Il Pontefice nel suo intervento che la Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo "offre una base giuridica universale per la protezione dei minori migranti. A essi occorre evitare ogni forma di detenzione in ragione del loro status migratorio, mentre va assicurato l'accesso regolare all'istruzione primaria e secondaria. Parimenti è necessario garantire la permanenza regolare al compimento della maggiore età e la possibilità di continuare degli studi. Per i minori non accompagnati o separati dalla loro famiglia è importante prevedere programmi di custodia temporanea o affidamento. Nel rispetto del diritto universale a una nazionalità, questa va riconosciuta e opportunamente certificata a tutti i bambini e le bambine al momento della nascita".
Ma non è tutto. Il Papa-premier continua: "La apolidia in cui talvolta vengono a trovarsi migranti e rifugiati può essere facilmente evitata attraverso una legislazione sulla cittadinanza conforme ai principi fondamentali del diritto internazionale. Lo status migratorio non dovrebbe limitare l'accesso all'assistenza sanitaria nazionale e ai sistemi pensionistici, come pure al trasferimento dei loro contributi nel caso di rimpatrio".
Il Papa ha voluto dire la sua anche sullo Ius culturae, cioè il diritto di ricevere un'istruzione nel Paese d'accoglienza. Secondo il pontefice a tutti i bambini "va assicurato l'accesso regolare all'istruzione primaria e secondaria", un diritto già previsto ad esempio in Italia. Una posizione già ribadita ieri dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenuto al Meeting di Cl, a pochi giorni dagli attentati in Spagna, Germania e Finlandia che hanno rimesso in discussione in tutta Europa la possibilità di concedere meno facilmente la cittadinanza agli stranieri.
FONTE: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13220388/papa-francesco-ius-soli-stranieri-pensioni-sanita-pubblica.html
http://notizieinmovimentonews.blogspot.it/2017/08/clamoroso-tutta-italia-contro-papa.html?m=1

PIANO KALERGI: La SBOLDRINI conferma piano di SOSTITUZIONE degli italiani!

L'avanguardia dello stile
I progetti nefasti dei nostri governanti assassini sono sotto gli occhi di tutti. Basta avere un briciolo di autonomia intellettuale e mettere da parte l’ideologia che ci sta portando dritti all’inferno.
Pure la SBOLDRINI parla di far arrivare entro il 2055 ben 15 MILIONI di immigrati perché gli italiani non fanno figli.
Una persona intelligente, che ha a cuore l’Italia, avrebbe fatto dichiarazioni a sostegno del popolo italiano, ed invece, questa subumana, continua a VOMITARE stupidità imbarazzanti a beneficio del meticciato e del globalismo.
Nessun essere normodotato potrebbe mai permettere un’invasione indiscriminata come quella messa in atto dai politici nostrani che stanno causando il caos in tutta la nazione. Non passano giorni che le RISORSE SBOLDRINIANE si macchiano di crimini: stupri, violenze, rapine, risse, ferimenti, blocchi, proteste ecc…
Si sta verificando tutto quello che andiamo dicendo da anni, eppure la pidiozia, patologia che affligge l’itaGLIONE medio, inneggiante il finto buonismo li fa pappagallare accoglienza, solidarietà. Cercano di pulirsi la coscienza difendendo questa invasione selvaggia senza capire le conseguenze devastanti che avrà sull’intera nazione. Vengono ghettizzati in gruppi in ogni dove, pure nei posti più sperduti così giusto per la sicurezza di ognuno di noi. Così se questi individui senza scrupoli decidono di unirsi contro Tizio, piuttosto che Caio o un gruppo di persone SARAN CAZZI DA CAGARE per tutti quanti.
E chi sostiene che gli smartphones, forniti dalle ong sorosiane e affini, serviranno per attivare le cellule e aumentare il caos non sbaglia affatto.
Certo quello messo in atto è un affronto alla vita e agli italiani. Come mai nessuno pensa ai nostri connazionali che hanno perso il lavoro, la casa e si mettono a disposizione miliardi per questi esseri che non hanno mai pagato un solo centesimo di euro di tasse? E’ giusto questo? Non è razzismo pure questo, seppur al contrario? Siamo arrivati al punto che DISCRIMINIAMO e DISPREZZIAMO i nostri connazionali. Solo delle MERDE possono arrivare a tanto. Altro che buonismo, accoglienza, solidarietà e altre menate.
Ci siamo mai chiesto dove cazzo sono le donne, i bambini e gli anziani? Sono per lo più ragazzi, in piena forma e salute con fare strafottente e offensivo, che se li guardi hanno pure il coraggio di sfidarti. Tanto questi non hanno nulla da perdere, e venendo da una realtà molto dura simile alla giungla, non si fanno certo problemi a commettere qualche gesto insano.  
Però quando proponi al PIDIOTA MEDIO di portarsi qualche RISORSA a casa fa orecchie da mercante.
Della serie fare i buoni CON IL CULO DEGLI ALTRI!!
Ribadiamo che questa gente deve essere accompagnata al più presto FUORI DAI CONFINI ITALIANI ED EUROPEI e che il razzismo non c’entra un beato cazzo.
Qui parliamo di sicurezza nazionale, di salvaguardare la nostra nazione, la nostra cultura, le nostre tradizioni… Il meticciato selvaggio è proprio uno dei punti del Piano Kalergi che mira a distruggere ogni nazionalismo, ogni cultura, tradizione ecc.. per avere un ammasso di caproni ibridi privi di radici e di legami per essere più facilmente manipolabili.
Guarda caso l’Europa mira a distruggere proprio ogni nazionalismo. Per questo tutti i politici parlano di cessioni di sovranità e di impossibilità ad uscire dall’UE. Una DITTATURA!!  
Di seguito il montaggio di LA7 dal titolo “Il piano della Boldrini per la grande invasione”!
Giusto per capire con chi abbiamo a che fare…
10670080_173094426194434_8885723210625846298_n
perla-boldrini-isis
laura-boldrini77cxlul6_wqaasx1o86a2ab61080b25225fc24003af15efb8-italian-style-commentL'avanguardia dello stile
Di seguito la bellissima lettera del prof. Sinagra che ha UMILIATO la BOLDRINI
Gentile Signora Boldrini,
ho esitato molto a scrivere queste poche righe perché non vorrei che qualcuno pensasse che io le attribuisca una ingiustificata importanza. Lei per me, come per tantissimi altri, non ha alcun rilievo né politico e meno ancora culturale.
Tuttavia, sono costretto a scriverle. 
Leggo infatti che lei ha deciso di ricandidarsi come Deputato. Le dico subito che la notizia non è devastante ma è semplicemente comica. Francamente non le riconoscevo alcun senso dell’ironia. Mi sbagliavo.
La sua disponibilità non è stata raccolta da nessun Partito. È caduta in un generale e gelido silenzio. Forse lei pensa di creare un suo Partito? La cosa si farebbe ancor più interessante perché darebbe la possibilità di verificare quanti consensi lei riscuoterebbe. Forse i suoi familiari stretti, ma poi chi altri?Lei ha motivato tale sua spericolata decisione dichiarando che deve finire il lavoro, ma quale non si capisce. E che è disponibile a dare ancora il suo contributo. Anche questo non gliel’ha chiesto nessuno.
Dalle mie parti direbbero che lei “se la canta e se la suona” da sola.
Forse il lavoro da terminare è quello di ottenere la demolizione di tutte le opere pubbliche e private realizzate dal Fascismo? Ovvero di assicurarsi, per la gioia del suo Collega Fiano, che nessuno più abbia portachiavi con l’effige del Duce? Oppure di assicurare l’arrivo in Italia di molte altre centinaia di migliaia di africani affinché molti di essi possano continuare a sopravvivere in condizioni di nulla facenti?
Oppure, il lavoro da terminare è l’approvazione della acquisizione della cittadinanza italiana in forza dello ius soli? Con il risultato di attrarre in misura crescente ulteriore immigrazine irregolare specialmente di donne incinte che poi non mancherebbero di rivendicare il diritto di ricongiungimento familiare facendo venire in Italia padre, madre, sorelle e fratelli.
Forse il suo lavoro è la “cinesizzazione” del mercato del lavoro in Italia con drastica riduzione dei salari anche dei cittadini italiani, riduzione delle pensioni (quelle degli altri) e completamento dello smantellamento dello Stato sociale che fu l’opera più grandiosa del Fascismo.
Lei è disponibile a dare ancora il suo contributo! Che generosità! Ma quale contributo? Quello di dividere ancor più gli animi degli italiani devastandone la coscienza politica, storica e morale?
Recentemente lei, in visita in Nigeria, ha dichiarato che avrebbe voluto vivere in quel Paese. Ecco, questa è una buona idea e sarebbe una saggia decisione.
Lei non si rende conto di quanto è rifiutata dagli italiani, accecata com’è dalla sua autoreferenzialità.
Un suggerimento, però, glielo voglio dare. Lei ha lavorato molti anni all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Ritorni a quel lavoro e magari si faccia destinare in Libia (non è la Nigeria, ma occorre un po’ di spirito di adattamento) e così potrà verificare di persona i rapporti tra gli scafisti e le ONG. E potrà constatare che non si tratta di rifugiati ma di una squallida tratta di esseri umani. Ma perché parlo? Lei queste cose le sa già molto bene.
In ogni caso, quel che le consiglio sommamente è di farsi dimenticare e di rifugiarsi in quell’opaco anonimato che maggiormente le si addice.
Professor Augusto Sinagra
fonte  https://disquisendo.wordpress.com/2017/08/22/piano-kalergi-la-sboldrini-conferma-piano-di-sostituzione-degli-italiani/